Covid-19 e Sindromi di Ehlers-Danlos

Nelle persone affette da Sindromi di Ehlers-Danlos il rischio infettivologico è pari a quello della popolazione generale, tuttavia,

SE UN PAZIENTE AFFETTO DA EDS DOVESSE SVILUPPARE UNA POLMONITE DA COVID-19 IL RISCHIO DI INCORRERE IN COMPLICANZE LEGATE ALLA COLLAGENOPATIA POTREBBERO ESSERE MAGGIORI RISPETTO AD UN PAZIENTE NON AFFETTO.

E’ importante comprendere che, in caso di contagio, le variabili sono correlate al quadro clinico del paziente , quindi, cambiano da individuo a individuo.

Raccomandiamo a tutti la massima accortezza e prudenza, attenendosi strettamente alle istruzioni emanate dal Governo, dal Ministero della Salute e dall’Istituto Superiore di Sanità.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu